Recensione Pink Pig Sketchbooks

Lo scorso aprile ho avuto la fortuna di vincere un giveaway organizzato da Pink Pig Sketchbooks (QUI il sito ufficiale) e Kuretake UK, recentemente diventato Pirika UK.

Il montepremi comprendeva:

  • 5 Pink Pig Sketchbooks con carta da acquerello;
  • 5 Fude Pen Bimoji Kuretake;
  • Un set di acquerelli Kuretake (confezione da 18 cialde).
I premi del giveaway di Pink Pig Sketchbooks e Kuretake.

Tralasciando il fatto che non potevo credere di aver avuto un colpo di fortuna simile, ero anche felicissima perché i media tradizionali sono i miei preferiti, specialmente se si tratta di acquerelli. In questi mesi ho avuto modo di sperimentare questi materiali e di farmene un idea più precisa, influenzata ovviamente anche dai miei gusti in fatto di prodotti artistici.

Ho deciso di scrivere delle recensioni più dettagliate possibili di ognuno di questi tre prodotti, sperando che possano tornare utili a chi magari ha pensato di fare degli acquisti artistici ma non sa ancora come muoversi bene. Per fare le cose in maniera più ordinata scriverò un post per ogni prodotto.
Iniziamo con Pink Pig Sketchbooks!

Chi è Pink Pig?

In Italia forse è ancora poco conosciuta ai più, ma la Pink Pig International Ltd (più semplicemente Pink Pig) realizza prodotti di ottima qualità. Situata in Gran Bretagna , è specializzata nella produzione di supporti da disegno, realizzando sketchbooks di vari formati e con vari tipi di carte prodotti a mano dall’azienda stessa, secondo la tradizione britannica. Utilizzano la miglior carta priva di acidi disponibile e riciclata ove possibile.

Caratteristiche degli sketchbooks

La prima cosa che vale la pena segnalare è la vastissima gamma di colori, copertine, dimensioni e formati disponibili. La particolarità sta infatti nel poter scegliere personalmente come sarà il nostro sketchbook.
Sul loro store ufficiale si seleziona il formato scelto (ad esempio un A4 ad anelli formato verticale), dopodiché si può personalizzare lo sketchbook scegliendo tra:

  • Cover Style: ovvero lo stile della copertina;
  • Paper Type: ovvero il tipo di carta che conterrà lo sketchbook;
  • Number of Leaves: ovvero il numero di fogli che conterrà lo sketchbook.

Al variare dei formati e delle tipologie scelti, le voci qui sopra potranno presentare più o meno le stesse caratteristiche (alcuni tipi di carta sono selezionabili solo per certi formati di sketchbook).

Caratteristiche dei miei Pink Pig Sketchbooks

I cinque sketchbooks che ho vinto al giveaway sono tutti formato A4 orizzontale, con rilegatura a spirale e contengono 25 fogli di carta da acquerello Ameleie da 270 grammi. Le copertine invece sono tutte di colori diversi, bellissimi e molto particolari!
Se non sbaglio, li trovate sotto il nome di “A4 Landscape Watercolour Book” nella sezione Sketchbooks del loro store online.

La carta

La carta Ameleie è un tipo di carta bianca satinata opaca, con una grammatura abbastanza elevata da poter supportare perfettamente media umidi come l’acquerello, la tempera, la gouache, gli acrilici e gli inchiostri. Per esperienza personale, posso confermare che è ottima anche con i marker, i Copic e i pennarelli tipo Pantone. È inoltre perfetta per inchiostro, carboncino, matita e pastelli.
Si tratta di un tipo di carta molto particolare fabbricata appositamente per Pink Pig, pertanto non la potrete trovare da altre parti.

Una delle illustrazioni fatte sul mio Pink Pig Sketchbooks.

Personalmente, per il mio modo di usare l’acquerello e per il tipo di soggetti che solitamente rappresento, la carta satinata è la mia preferita in assoluto. In particolare, la Ameleie è veramente una carta fantastica, mi sono trovata subito benissimo sin dalle prime prove di colore.

  • È una carta molto resistente, che sopporta bene più passate di acqua nello stesso punto, ma invito comunque a non esagerare soprattutto se non siete ancora pratici nella dosatura dell’acqua;
  • Se si utilizzano i Copic o altri marker simili, è bene tenere presente che la carta da acquerello tende ad assorbire, pertanto non colorate mai troppo vicini ai contorni di una figura perché l’alcohol del pennarello tenderà a spandersi rischiando di oltrepassare le linee del disegno. A parte questo, la resa è molto bella e i colori sembrano brillare grazie all’elevato punto di bianco della carta;
  • Si presta bene anche alle matite colorate, che creano un lieve effetto di texture nonostante la carta dalla superficie liscia;
  • Proprio per via della sua superficie liscia, è consigliata per chi ama realizzare disegni ricchi di dettagli.

Dove acquistare i Pink Pig Sketchbooks

Se volete personalizzare il vostro sketchbook vi consiglio l’acquisto direttamente dal loro sito qui.

Se invece volete acquistare da Amazon, di seguito vi metto una lista di prodotti Pink Pig Sketchbooks che trovate già pronti e disponibili anche con Prime
I blocchi con carta da acquerello sono quelli con la dicitura Watercolour.
Gli sketchbooks come i miei sono quelli chiamati Landscape Watercolour (ovvero la penultima riga della lista).

Spero che la recensione vi sia stata utile, alla prossima con gli altri prodotti vinti al giveaway!

Recensione Pink Pig Sketchbooks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + 14 =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: